...quel tuffo nella Valle d'Itria in sella a vecchie bici da corsa

...quel tuffo nella Valle d'Itria in sella a vecchie bici da corsa

Premi

Miglior Ciclostorica d'Italia

Premio attribuito dal Giro d'Italia d'Epoca

Miglior Ciclostorica d'Italia

Premio attribuito dal Giro d'Italia d'Epoca

riconoscimenti

La Matta Bambini

Riconoscimento per l'evento dedicato ai bambini e volto a favorire l'inclusione sociale.

COSA E' LA MATTA

La Matta è una pedalata con biciclette d’epoca per le strade della Valle d’Itria, in sella a bici con i pedali a gabbietta, i fili dei freni esterni al manubrio, con le leve del cambio sul telaio, indossando maglie vintage in lana a collo alto, originali o riprodotte da abili artigiani. Questi appassionati faticano certamente molto di più di chi sfreccia sui modelli più moderni, ma è uno sforzo che dà una impagabile soddisfazione.
Non essendo competitiva La Matta permette quindi di potersi fermare e godere appieno della Valle d’Itria, scenari mozzafiato e natura incontaminata.

La Matta per tradizione si svolge il primo sabato di Giugno, quando in Puglia il clima è quasi estivo ed i profumi che provengono dai boschi e dai campi riempiono non solo i polmoni dei Matti ma anche il loro cuore, lasciando un ricordo indelebile pedalata dopo pedalata.  Due i percorsi al momento. Uno breve da 35km ed un lungo da 75km.

01 giu 2024
La Matta - Ciclostorica Pugliese, Via Porta Putignano, 70015 Noci BA, Italia

Tutte le emozioni della passata edizione 2023

Play Video

indossa la nostra
maglia

i percorsi

Il via è per le ore 12.00 ed è l’unica ciclostorica a partire nel pomeriggio. Vogliamo farvi apprezzare il paesaggio pugliese con le luci del tramonto e con i profumi caldi della nostra terra. Lo striscione della Partenza è nel borgo antico della cittadina di Noci, il primo a partire è il giro Lungo e dopo qualche minuto il Corto. 

Le strade basolate divideranno già i partecipanti, entrambi i gruppi lasceranno alle spalle il centro urbano e si immergeranno nelle campagne della Valle d’Itria. Il gruppo del Lungo in direzione Martina Franca, sulle strade della “via vecchia”, mentre il Corto pedalerà spensierato per giungere ad Alberobello, la Citta’ dei Trulli e Patrimonio Unesco famoso in tutto il mondo.

il Corto

Qui il Corto farà il suo primo punto ristoro presso la Medioevale Chiesa del Barsento, un veloce buffet per poi pedalare verso Alberobello ed effettuare il secondo ristoro in Largo Martellotta, passando dal pieno centro di Alberobello: Trullo Sovrano, Chiesa dei Santi Medici e Zona Trulli (Patrimonio Unesco). Le forze ora saranno ripristinate e sarà il momento di attraversare a piedi la zona trulli, Patrimonio Unesco dal 1996, e riprendere la marcia per rientrare su Noci, fermandosi per un ultimo ristoro nell’Azienda Agricola Vinci in territorio di Noci. Sono circa 37km con dolci scollinamenti e non serve alcun allenamento particolare!

Il Lungo

Lasciato alle spalle il basolato del centro storico di Noci, quelli del “lungo” si tuffano in una prima parte di percorso vallonata, ideale per sciogliere i muscoli e tirar via la ruggine, lungo strade secondarie incorniciate da muretti a secco (Patrimonio dell’Unesco) che scorrono tra il verde di boschi rigogliosi e la terra bruna, tra campi dorati ed il rosso dei papaveri.

Ad attenderci il primo rifornimento volante e le meraviglie barocche di Martina Franca e del suo borgo antico, che attraverseremo a piedi per ammirare appieno le sue meraviglie architettoniche e gli sfarzosi palazzi signorili.

Di nuovo in sella e si riparte alla volta di Pineta Ulmo e dei suoi maestosi alberi, da cui inizia il tratto di 13 km da percorrere su strada bianca battuta: è la Ciclovia dell’Acqua che si dirama tra macchia mediterranea e ponti infiniti dalla vista mozzafiato sulle antiche strade di servizio dell’Acquedotto Pugliese, opera storica e preziosa per la nostra “assetata terra”.

Siamo oltre la metà del nostro giro e all’orizzonte già si staglia l’incantevole Cisternino, uno dei borghi più belli d’Italia. Ma per raggiungere tanta bellezza un po’ bisogna “soffrire” sulla prima vera asperità di giornata che ci porterà ai piedi delle antiche fortificazioni medievali. Da lì, in un continuo susseguirsi di vicoli, archi e slarghi da percorrere a piedi raggiungeremo Piazza Vittorio Emanuele III per il secondo ristoro tra mura e pietre che sanno di storia.

Al tocco della Torre dell’Orologio sarà già tempo di rimettersi in sella, non prima di aver dato un ultimo sguardo alla Valle d’Itria che da qui si scorge in tutta la sua bellezza. La prossima tappa la vediamo già all’orizzonte tra i continui saliscendi delle strade secondarie che attraversano alcune delle sue 147 contrade: è Locorotondo, anch’esso uno dei borghi più belli d’Italia e bandiera arancione del Touring Club Italia. La salita in basolato di Via XX Settembre ci lancia sul Belvedere, un bianco balcone sulla Murgia dei Trulli e sulla Valle d’Itria che ripagherà ancora una volta le nostre fatiche.

Il sole comincia a calare e le ombre si allungano: Alberobello attende il nostro passaggio, quando il candore della calce e le calcaree chianche dei trulli, Patrimonio Unesco, verranno invase e pervase dai riflessi dorati della golden hour. 

Il traguardo ora sembra più vicino, ma quando tutto sembra volgere dolcemente al termine, eccoci ai piedi dell’ultima difficoltà del percorso: la salita che conduce alla Chiesa di Santa Maria di Barsento, antica chiesa del VI secolo d.c. posta su una collina fra Alberobello e Noci. Qui l’ultimo ristoro con frutta fresca e acqua per ricaricare le energie in vista della volata verso il traguardo nella centralissima Piazza Garibaldi a Noci. Gli sguardi curiosi dei bambini, gli applausi dei grandi e le coinvolgenti note della festa al “Villaggio La Matta”…la fatica si è fatta sentire, ma ne sarà valsa la pena? 

Il percorso è circa 90km con 1000mt di dislivello complessivo: spirito d’avventura, attrezzatura per ogni evenienza (forature, imprevisti) ed un po’ di allenamento sono altamente consigliati!

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

ALL'EVENTO

Giro Lungo

Google Maps

Caricando la mappa, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di Google.
Scopri di più

Carica la mappa

Giro Corto

Google Maps

Caricando la mappa, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di Google.
Scopri di più

Carica la mappa

respira la puglia
a pieni polmoni

Seguendo i nostri canali social ufficiali sarai sempre aggiornato su tutti gli eventi

iscrizione

01 giugno 2024
La Matta - Ciclostorica Pugliese, Via Porta Putignano, 70015 Noci BA, Italia

MOMENTI UNICI

Negli annali

2024

2023

2022

2021

2019

2018

2016

2015

officina e restauri

in allestimento

contatti

vito nardulli la matta ciclostorica pugliese

Vito Luciano Nardulli

Non sa ancora chi è e nè tanto meno dove vuole andare, pero’ ha una certezza nella sua vita: continuerà a vivere con felicità accompagnato dall’infinito piacere che la bicicletta riesce a dargli. Ultra-innamorato della sua piccola Simona è un padre morboso allo sfinimento e nello stesso tempo un compagno premuroso.

Presidente Ciclo Noci Vintage

Ideatore de “La Matta”

Crowdfunder 

giulio de tintis la matta ciclostorica pugliese

Giulio de Tintis

“Alla sera, quando vado a letto, cerco sempre di impormi di ricordare quello che sogno. Puntualmente la mattina dopo il mio fallimento, non ricordo neppure di aver dormito. È cosi che ho deciso di sognare ad occhi aperti, pedalando e respirando la mia terra. Innamorandomi di tutto questo e cercando di trasmettere questo nostro SOGNO”

Vice Presidente Ciclo Noci Vintage

Ideatore de “La Matta”

Comunicazione e Marketing

nicola ivan bruno la matta ciclostorica pugliese

Nicola Ivan Bruno

Avvocato – ciclista con la vena poetica. 

Sempre pronto a consigliare la giusta direzione da seguire nelle infinite strade della burocrazia.

All’apparenza una persona distinta ma che nasconde bene il suo Peter Pan-tani non appena sale in sella alla sua Colnago.

Segretario Ciclo Noci Vintage

Responsabile Area Amministrativa

maurizio agrusti la matta ciclostorica pugliese

Maurizio Agrusti

Diplomatosi ragioniere lavora nell’azienda di famiglia di traslochi, chi meglio di lui può occuparsi di contabilità e nello stesso tempo coordinare tutto il lavoro di logistica? NESSUNO 

E’ proprio come nella foto, sempre gentile e sorridente con tutti…e come non esserlo con una moglie che sforna dolci a tutte le ore!?

Tesoriere Ciclo Noci Vintage
Responsabile Area Logistica

simone intini la matta ciclostorica pugliese

Simone Intini

Classe ’71 si reinventa ciclista dopo tanti anni di pallamano alle spalle. Lavoratore instancabile insieme con il fratello nella loro azienda di marmi, padre premuroso e compagno di vita eccezionale.

La sua determinazione e la sua sincera amicizia è la nostra arma vincente.

Consigliere Ciclo Noci Vintage

Responsabile Percorsi

CREDONO IN NOI

partners

patrocini

Comune di
Noci
Comune di
Alberobello
Comune di
Locorotondo

Comune di
Cisternino

Comune di
Martina Franca

Comune di
Noci
Comune di
Alberobello
Comune di
Locorotondo
Comune di
Cisternino
Comune di
Martina Franca